Servizi Speciali_slide-19

BONIFICA IMPIANTI

INTERVENTI DI BONIFICA: PULIZIA E SANIFICAZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE DELLE CONDOTTE AERAULICHE CANALIZZATE

Il danno biologico che il lavoratore subisce è la conseguenza della qualità dell’aria che respira. Negli ambienti di lavoro la presenza di agenti biologici inquinanti è causata dagli impianti di condizionamento dell’aria di tipo canalizzato, fan coil/split.
Questi impianti necessitano di una particolare attenzione nella fase di manutenzione igienico-sanitaria e, se non adeguatamente ispezionati e bonificati con periodicità da personale specializzato, possono diventare fonte di contaminanti indoor con possibile insorgere di gravi infezioni.
Numerosi studi scientifici testimoniano che le contaminazioni chimico-biologiche derivanti dagli impianti di climatizzazione scarsamente sanitizzati, contribuiscono in maniera significativa all’incremento delle principali malattie allergiche e cardiorespiratorie.

MALATTIE DERIVANTI DA IMPIANTI NON SANIFICATI

SBS – SICK BUILDING SYNDROME
SINDROME DELL’EDIFICIO MALSANO CARATTERIZZATA DA TOSSE, FEBBRE, MALESSERE  DIFFUSO, ASTENIA
SINDROME DEL LEGIONARIO O LEGIONELLOSI
FEBBRE DI PONTIAC
SINDROMI INFLUENZALI E TUBERCOLOSI
SINDROMI ALLERGICHE
ASMA BRONCHIALE, DERMATITI, RINITI, ORTICARIA DA CONTATTO
SINDROMI IMMUNOLOGICHE
POLMONITE DA IPERSENSIBILITÀ E LA “FEBBRE DELL’UMIDIFICATORE”
servizi icone-04

UNA PULIZIA PROFONDA

DISINFEZIONE DELLE CONDOTE AERAULICHE CANALIZZATE

Servizi Speciali Aria

LE NOSTRE SOLUZIONI

Le polveri presenti nelle canalizzazioni vengono rimosse con spazzole rotanti a sezione circolare, dalle dimensioni e materiali variabili a seconda del canale sottoposto a bonifica. Le spazzole rotanti sono collegate a un motore elettrico o collegate direttamente al robot video-ispettore

Per l’accesso al tratto di canalizzazione vengono realizzati appositi varchi di accesso successivamente rinchiusi con portine di ispezione certificate (UNI EN 12097:2007). Il Tratto di canalizzazione viene sezionato in tronchi da 20-30 metri lineare con specifici palloni barriera. A valle del tratto di condotta oggetto di bonifica, vengono posizionati estrattori dotati di filtri HEPA, per mezzo dei quali il tronco di condotta viene messo in depressione. Tutto quanto è rimosso in fase di pulizia meccanica e convogliato attraverso i filtri.

La successiva fase di disinfezione, finalizzata all’eliminazione degli agenti microbiologici, viene svolta mediante l’aerosolizzazione all’interno delle condotte di un disinfettante ad alta attività germicida.

 

servizi icone-05

UN SOSPIRO DI SOLLIEVO

PULIZIA E DISINFEZIONE FAN COIL E SPLIT

Servizi Speciali Aria

LE NOSTRE SOLUZIONI

Il processo di pulizia avviene innanzitutto con l’aspirazione delle polvere e dei depositi con macchine dotate di filtri HEPA. In secondo luogo si effettua una fase di lavaggio sgrassante, svolta con idonei detergenti certificati, utilizzati in maniera manuale o meccanica, a seconda delle caratteristiche dell’apparato e dei luoghi oggetto delle operazioni di bonifica, prestando grande attenzione alle batterie di scambio termico, principale fonte di contaminazione.

La fase finale di disinfezione avviene tramite l’utilizzo del vapore saturo erogato alla temperatura di 152°C e tramite la successiva nebulizzazione di un disinfettante. Il processo viene certificato da campionamenti microbiologici post bonifica.

 

Servizi Speciali_slide-20

QUALITÁ DELL’ARIA A NORMA DI LEGGE

IL TESTO UNICO PER LA SALUTE DEI LAVORATORI

La necessità di assicurare una buona qualità dell’aria respirata, all’interno degli ambienti di lavoro, è prevista dal “Testo Unico in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro” (D. Lgs. n. 81/2008), che contempla il fenomeno della contaminazione e del cattivo stato igienico degli impianti aeraulici.
Nel testo di legge dedicato all’aerazione nei posti di lavoro, in relazione agli impianti aeraulici, è previsto che “gli stessi impianti devono essere periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori”.
“Qualsiasi sedimento o sporcizia che potrebbe comportare un pericolo immediato per la salute dei lavoratori dovuto all’inquinamento dell’aria respirata deve essere eliminato rapidamente”.
La Procedura operativa del 07/02/2013 fornisce alle aziende indicazioni pratiche per gestire i rischi correlati all’igiene degli impianti di trattamento aria e per la pianificazione degli interventi di manutenzione.